…pronti, partenza…VIA!!!

Awwww….si parteeeee!!!!

Quando sono mesi che lo prepari sembra davvero non arrivare mai….e poi, quasi all’improvviso, senza nemmeno chiedere più di tanto il permesso, arriva: il giorno della partenza.

Fatto tutto: valigie pronte, pranzo fatto, parenti e amici salutati.

Ecco, vorrei soffermarmi un attimo su questo punto, quello dei saluti. Sì, perché come si fa a salutare tutti così, sapendo la data della partenza ma non quella del ritorno?? Tanto me lo sono chiesta e ancora non credo di aver trovato la risposta….ma quello che ho capito è questo: l’unico modo è vivere ogni momento con loro, qualunque cosa succeda…e così, sono successi milioni di milioni di cose in questi saluti….

A partire da un aperitivo un po’ improvvisato, con i miei compagni di beach-volley (e anche degli ultimi due anni di lavoro, se proprio vogliamo essere sinceri), che mi hanno fatta sentire onorata di averli incontrati e coccolata con una super torta gelato, che se potessi ne metterei dieci in valigia – e invece dovrò aspettare il rientro…..

…e da un altro saluto stra gradito – e come poteva essere diversamente – a base di sushi con le mie architette d.o.p….☺️💕

…poi c’è stata la Vale, che mi ha ricordato quanto è bello poter contare su chi ti ha conosciuto molto, molto da vicino da sapere perfettamente come stare insieme a te, e quanto è speciale potersi concedere qualche giorno rilassato in cui il massimo impegno è tenere il punteggio del test sul giornale da spiaggia…☀️

…e poi tu, Claudietta, con il tuo matrimonio speciale che tanto ha significato per ognuno di noi che eravamo lì…perché tutti, in un modo o nell’altro, non siamo usciti come prima dalla full immersion con voi in terre pugliesi…❤️

…e poi una super amica ritrovata, (sì Ari, proprio tu) di quelle che per salutarti, così, organizzano un pomeriggio in villa con piscina e con super materassino a seguito….e un mondo di chiacchiere che neanche riesci a realizzare quante parole hai detto in un minuto (circa 427591684628, comunque) …

….e poi un viaggetto al Giglio con i miei uomini, perchè è importante l’organizzazione pre partenza, ma il relax dove lo mettiamo!?


…e poi la vacanzina con la mamma, un po’ per i motivi di cui sopra, un po’ perché andando incontro a periodi di carestia-da-coccole-di-mamma, è bene approfittarne finchè si può…😍

…per non contare tutti i parenti che mi hanno concesso qualche ora del proprio tempo per salutarsi con calma, le amiche che non avrebbero mai voluto che quello fosse l’ultimo saluto (Vane ❤️) e… le cose imprevedibili e speciali che sono successe nel frattempo…compresa una notte in campeggio dopo tamburi e canti intorno al fuoco (che proprio ciao😍…e grazie Barbara, e grazie super Lupe☺️)…

Ragazzi, io sto partendo ma…non mi sono mai sentita così vicino ad ognuno di voi. Anche se l’ho già fatto, potrei ricominciare ad abbracciarvi tutti uno per uno e dirvi che mi mancherete, ma questo non allevierebbe la nostalgia che inevitabilmente proverò durante questi mesi lontana da casa…

E quindi niente, ormai senza più una fissa dimora ma con un grande, grande sogno nel cuore vado incontro a questa Australia…

E mentre mi aggiro tra i duty free degli aeroporti che incontro lungo la strada, una frase mi colpisce…

Don’t look back. You’re not headed that way.

…e allora niente, penso che in fondo non guardo indietro, ma vi porto tutti, ma proprio tutti tutti con me. Avanti. Sempre avanti.

 

Annunci